Cromoterapia A Tavola

L’appetito è stimolato non solo dai profumi delle pietanze, ma anche il loro colore ci invita all’assaggio.  In particolare, studi moderni hanno scoperto che i pigmenti che “colorano” frutta e verdura non hanno solo una funzione visiva, ma producono anche effetti benefici per tutto l’organismo.

cromoterapia 1.jpg

Ad esempio è stato osservato che le verdure e la frutta di colore rosso (come pomodori, fragole, ribes, lamponi ecc.) svolgono azioni protettive nei confronti del cuore, rafforzano la memoria e proteggono le vie urinarie. Ad esempio, il pomodoro contiene il un antiossidante che aiuta a prevenire alcune forme tumorali e aiuta a ridurre le infiammazioni cardiovascolari.

 cromoterapia 2.jpg

Gli alimenti di colore giallo (come albicocche, pesche, carote, peperoni, mais, melone, ananas, ecc.) rinforzano gli occhi, il cuore e in generale tutto il sistema immunitario, grazie anche alla presenza della vitamina C e vitamina A.

cromoterapia 3.jpg

L’azione protettiva di insalate, zucchine, piselli, asparagi, broccoli, cavoli, ecc. si concentra sulle ossa, denti e occhi. Inoltre, proprio quei fitonutrienti che danno il colore verde aiutano a ridurre lo stress oltre che prevenire numerose forme di tumore.

cromoterapia 4.jpg

I cibi “viola” come le melanzane, i fichi, l’uva, le prugne, le more e i mirtilli aiutano il corretto funzionamento della circolazione sanguigna, svolgendo un’importante azione contro le malattie circolatorie.

cromoterapia-5

Infine i cibi “bianchi” sono caratterizzati da fitonutrienti che favoriscono una corretta assimilazione dei grassi contenuti negli alimenti, aiutando così a combattere il colesterolo.

Cristina Noro

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s