Taste Of Success

[Segue versione in Italiano]

 

“You must be imaginative, strong-hearted. You must try things that may not work, and you must not let anyone define your limits because of where you come from. Your only limit is your soul. What I say is true – anyone can cook… but only the fearless can be great.”

 

bredley.png
Bradley Cooper, Burnt

 

From the proactive little mouse Remy, main character of Disney’s movie Ratatouille, to great chef Adam Jones, interpreted by a demanding Bradley Cooper, chef Gusteau’s quote seems to fit perfectly each type of food character recently created by the movie industry. It is evident that cuisine is today’s most trendy artistic discipline and the film industry has realized this since a while. Therefore, movie productions on the topic have flourished in bunches. This phenomenon is certainly just the top of the iceberg of a much more structured trend characterizing our society. The amount of attention directed towards food is gradually increasing and there are more and more people every day that carefully plan their diet: fast foods and junk food are increasingly losing their popularity in favor of the “buona tavola” (genuine, homemade food). Maybe it is because the educational programs on food and nutrition are finally showing the awaited results? Perhaps it is because American statistics are starting to make their way to consumers’ minds having an impact on their consumption choices? (In the US 300.000 people die every year because of obesity-related diseases). Probably it is just because we’re starting to give genuine good food and “buona tavola” the dignity they deserve.

chef.jpg

For sure the “Bel Paese” (literally “Beautiful Country”, it is an expression commonly used to refer to Italy) cannot be exempted from leading the way in this “back to authenticity” trend, which should not only be retrieved, but also enriched of new meanings: we need to aim at excelling. Excellence, though, cannot be left only to the Michelin-starred restaurants, but should be thought of as a muse that inspires every activity dedicated to food production and services, independently from the target clients at which it aims. Management theory teaches us that the means are not sufficient in order to achieve valuable results, and Martin Luter King expresses the same concept with the energy and the poetry of which only the greats are capable: “It isn’t by size that you win or fail – Be the best of whatever you are”. With respect to cuisine, at least, there are no doubts: Italy is a country that is seeking excellence, cultivating it and rewarding it.

alma.jpg

In the past decades, indeed, many schools have set their grounds aiming at educating true culinary arts’ professionals, giving them the chance to specialize in the more practical professions or in the managerial ones. Among several others, those standing out for the several awards they were recognized are ALMA, the most influential Education Center for Italian Cuisine at the international level, and the University Of Culinary Sciences in Pollenzo. Both schools were born on the background of amazing landscapes, hosted in historical buildings: Alma is located in the magnificent Ducal Palace of Colorno, in Parma. The region’s main city (Parma) has recently been awarded the title of “creative city of Unesco culinary arts”. Being the first Italian city to have conquered this mention of honor, the new “Food Valley” owns its fame particularly to high quality products such as Parmigiano and Prosciutto, but without any doubts the icing on the cake is precisely Alma’s presence in the area.

On the other side, the University of Culinary Arts in Pollenzo is located inside a historical complex which is also the home of the Wine Bank and results from a thoughtful restructuring of an ancient neo-gothic building that was once an Agency of King Carl Albert, a few km away from Alba and Bra, in-between two landmarks such as Langhe and Roero – both categorized as UNESCO sites.

Nonetheless, making these schools an a source of excellence in their field are not only these locations, but also the values that inspire them: Italian heritage and, at the same time, openness to the international scene, honesty, enthusiasm, attention to health. Each institute implements these principles with its own peculiar teaching method.

almaa

alm
Alma

In particular, the University of Pollenzo proposes to educate a new professional figure, termed “gastronomo”, an expert with knowledge and competences in the agri-food field and which operates by directing food production, distribution and consumption towards choices that are more correct and that contribute to creating a sustainable future for the planet. To this extent, Unisg has added to its formative offer an educational experience that puts students in direct contact with the world of food production. I am referring to the Educational Travels, a new form of experiential education that allows future “gastronomi” to learn on the field using their 5 senses, following the production chains and getting to know biodiversity. The Educational Travel is a innovative studying travel which is born from the peculiar philosophy of Unisg: the future “gastronomo” certainly has to learn about the scientific characteristics of foodstuff, such as nutritional values and chemical composition, but his knowledge will be complete only if he will have experienced this live, directly. There is a broad range of activities taking place during the educational travels: academic courses with local teachers, visits to producers and enterprises, show cooking with chefs and restaurant owners, visits to traditional food markets and to discover the territory. So, the merit goes to the University of Pollenzo for creating a delightful contribution to research and practice, managerial culture and farming and craftsmanship knowhow in the food industry.

UNI.png

ALlievi.png
University of culinary sciences of Pollenzo and its students

More traditional but at the same time one-of-a-kind, the education offer at ALMA, which educates chefs, pastry chefs, somelier, restaurant managers, coming from anywhere in the world, to form true professionals thanks to high quality programs taught by the most competent and influential teachers. Moreover, the university has access to the most recent cooking, pastry and somelier tools. ALMA’s founders are sure that this is, for those who chose to operate in the fascinating world of food and restaurants, a decisive investment for their future and an extraordinary formative experience. In fact, this certainty is supported by the numerous successes obtained by the students who have chosen to get educated in this institute: Simone Nebbia represents one great example. Recently acknowledged at Eataly Smeraldo in Milan with the award of Best Sous-Chef of Italy by the experts of the “Guida ai ristorante d’autore” by Identità Golose, this very young talent, class of 1991, had started his journey in ALMA in 2009.

Furthermore, among the best results achieved by ALMA’s students, those obtained by Romeo Bisacchi and Eugenio Simonelli are certainly worth a mention: they were hired respectively by Enoteca Pinchiorri in Florence and by “Le Gravoche”, restaurant in London, where they will now continue their journey no longer as interns but as restaurant professionals. The list of those who managed to fulfill their dream of becoming professionals in the food industry is even longer. It is certain, as many argue, that there is no teacher, independently from how skilled and expert he is, nor any school, able to create talent where it doesn’t exist. However, as these stories prove, making the right choices when it comes to education can help us get the most out of our potential, and why not, it can allow us to get finally a taste success. As Anton Ego, the culinary critic from Ratatouille, would say: “Not everyone can become a great artist; but a great artist can come from anywhere.”

 

Carmen Simini

 

Il sapore del successo

“L’alta cucina non è una cosa per i pavidi, bisogna avere immaginazione, essere temerari, tentare anche l’impossibile e non permettere a nessuno di porvi dei limiti solo perché siete quello che siete, il vostro unico limite sia il vostro cuore. Quello che dico sempre è vero, chiunque può cucinare ma solo gli intrepidi possono diventare dei grandi.”

 

bredley.png
Bradley Cooper, Il sapore del successo

Dall’intraprendente topino Remy, protagonista del fortunato film d’animazione della Disney Ratatouille, al grande chef Adam Jones, interpretato da un esigente Bradley Cooper, la massima del mitico chef Gusteau sembra declinarsi e adattarsi alla perfezione a tutti i personaggi sapientemente creati dalla recente cinematografia del food. Che la cucina sia la disciplina più di moda del nostro tempo è abbastanza evidente e il mondo del cinema se n’è accorto da tempo. Di conseguenza, le produzioni cinematografiche sul tema si stanno moltiplicando. Di certo, questo fenomeno è solo la punta dell’iceberg di una tendenza ben più strutturata della nostra società. L’attenzione rivolta al cibo sta gradualmente aumentando e sono sempre di più le persone che panificano scrupolosamente la propria dieta: i fast food e lo junk food stanno lentamente perdendo la loro attrattiva a favore del ritorno alla buona tavola. Forse i progetti di educazione alimentare stanno finalmente dando i frutti sperati? Forse le statistiche americane stanno iniziando a fare effetto sulle scelte dei consumatori? (Negli Stati Uniti 300.000 persone muoiono ogni anno a causa di qualche malattia correlata all’obesità). Probabilmente si sta semplicemente tornando a dare al buon cibo e alla buona tavola la dignità che meritano.

chef.jpg

Di certo, il Bel Paese non può esimersi dall’essere l’esempio da seguire in questo movimento di ritorno alla genuinità, che va non solo riscoperta, ma anche arricchita di nuove sfumature e significati: bisogna puntare all’eccellenza. Quest’ultima però non può e non deve essere relegata ai ristoranti stellati, bensì va concepita come musa ispiratrice di qualsiasi attività di ristorazione, a qualunque target di clientela sia essa rivolta. L’economia aziendale ci insegna che non bastano i mezzi per raggiungere risultati di valore, Martin Luter King esprime lo stesso concetto con la grinta e la poesia di cui solo i grandi sono capaci “Non con la mole vincete o fallite. Siate il meglio di qualunque cosa siate”. Almeno dal punto di vista culinario non ci sono dubbi, l’Italia è un paese che cerca l’eccellenza, la coltiva, la premia.

alma.jpg

Negli ultimi decenni, infatti, si stanno affermando scuole specialistiche che mirano a formare dei veri e propri professionisti della cucina e della gastronomia, dando loro la possibilità di specializzarsi nelle professioni più pratiche o nella direzione manageriale. A distinguersi e a spiccare per i numerosi riconoscimenti ottenuti, sono soprattutto ALMA, il più autorevole centro di formazione della Cucina Italiana a livello internazionale, e l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Entrambe le scuole nascono sullo sfondo di paesaggi meravigliosi, all’interno di strutture storiche: Alma ha sede nello splendido Palazzo Ducale di Colorno, a Parma. Il capoluogo emiliano ha da poco conquistato il titolo di “città creativa della gastronomia Unesco”, prima città in Italia ad ottenere questa menzione d’onore, la nuova “Food Valley” deve la sua fama soprattutto ai prodotti di qualità come Parmigiano e Prosciutto, ma senza dubbio la ciliegina sulla torta è proprio la presenza di Alma sul suo territorio. D’altra parte, l’Università gastronomica di Pollenzo è collocata all’interno di uno storico complesso che è sede anche della Banca del Vino ed è il risultato del sapiente recupero delle antiche costruzioni neogotiche di quella che fu un’Agenzia di Re Carlo Alberto, a pochi chilometri da Alba e Bra, tra due territori unici come le Langhe e il Roero – anche questi patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO. Eppure non sono solo i luoghi in cui sono situate a fare di queste scuole due sedi di eccellenza, bensì i valori ai quali si ispirano: italianità e, allo stesso tempo, internazionalità, onestà, entusiasmo, attenzione alla salute. Ogni istituto poi, coniuga questi principi con un peculiare metodo didattico.

 

almaa

alm
Alma

 

In particolare, l’Università di Pollenzo si propone di formare una nuova figura professionale, quella del “gastronomo”, un esperto che abbia conoscenze e competenze nell’ambito agro-alimentare e operi indirizzando la produzione, la distribuzione e il consumo di cibo verso scelte corrette e utili a creare un futuro sostenibile per il pianeta. A tal fine, l’Unisg ha inserito nella sua Offerta Didattica un’esperienza formativa di conoscenza diretta del mondo della produzione alimentare. Si tratta dei Viaggi Didattici, una nuova forma di didattica esperienziale che permette ai futuri gastronomi di imparare sul campo utilizzando i cinque sensi, seguendo le filiere produttive e conoscendo la biodiversità. Il Viaggio Didattico è un viaggio di studio innovativo che nasce dalla particolare filosofia dell’Unisg: il futuro gastronomo deve certamente imparare gli aspetti scientifici degli alimenti, quali i valori nutrizionali e la composizione chimica, ma la sua conoscenza sarà completa soltanto se avrà vissuto l’esperienza diretta. Le attività che vengono svolte durante i viaggi didattici sono le più disparate: lezioni accademiche con docenti locali, visite a produttori e aziende, show cooking con chef e ristoratori, visite a mercati tradizionali e di scoperta del territorio. Dunque all’Università di Pollenzo va il merito di aver creato un delizioso connubio di studio e pratica, cultura manageriale e sapere artigiano e contadino.

UNI.png

ALlievi.png
Università di scienze gastronomiche di Pollenzo e i suoi allievi

Più tradizionale ma allo stesso tempo unico nel suo genere, è l’offerta formativa di ALMA, la quale forma cuochi, pasticceri, sommelier, manager di sala e della ristorazione, provenienti da ogni Paese, per farne veri professionisti grazie a programmi di alto livello realizzati con gli insegnanti più autorevoli, inoltre, la scuola dispone delle più aggiornate attrezzature didattiche di cucina, pasticceria e sommelier. I fondatori di ALMA sono certi che quest’ultima sia, per chi ha scelto di operare nell’affascinante mondo della ristorazione, un investimento decisivo per il futuro ed una straordinaria esperienza formativa. In effetti, questa convinzione è corroborata dai numerosi successi ottenuti dai ragazzi che hanno scelto questo istituto: esemplare il caso di Simone Nebbia, recentemente premiato all’Eataly Smeraldo di Milano, con il riconoscimento di miglior Sous-Chef d’Italia per gli esperti della Guida ai ristoranti d’autore 2015 di Identità Golose, il giovanissimo talento, classe ’91, ha iniziato il suo percorso in ALMA nel 2009. Inoltre, tra i migliori risultati degli allievi ALMA, sono senz’altro degni di mensione quelli ottenuti da Romeo Bisacchi e Eugenio Simonelli, assunti rispettivamente dall’enoteca Pinchiorri di Firenze e da “Le Gavroche”, restaurant di Londra, dove continueranno il loro percorso non più come tirocinanti ma con il ruolo di professionista di sala. L’elenco di coloro che sono riusciti a realizzare il proprio sogno di diventare professionisti del mondo del food potrebbe essere ancora molto lungo. Certo, come molti sostengono, nessun maestro, per quanto esperto e qualificato, e nessuna scuola, per quanto attrezzata e all’avanguardia, può creare il talento. Tuttavia, come dimostrano queste storie, fare le scelte giuste nella propria formazione può aiutarci a valorizzare al massimo le nostre potenzialità, e perché no? Può permetterci di gustare finalmente il sapore del successo. Come direbbe Anton Ego, il critico gastronomico di Ratatouille, “Non tutti possono essere dei grandi artisti, ma un grande artista può celarsi in ognuno di noi.”

                                                                                                                                                                              Carmen Simini

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s