Gipsy Supper Club: cena alla scoperta delle erbe selvatiche

Una cena che sa di poesia, dolcezza e condivisione. È questo ciò che vi aspetta se decidete di partecipare a uno dei Supper Club organizzato da Alice Agnelli, l’autrice del blog “A gipsy in the kitchen”.

alice

È una ragazza innamorata dell’amore, della cucina, della moda e del Natale tutto l’anno, infatti non mi sono stupita nel ritrovarmi a mangiare in un piatto decorato con un albero natalizio nel bel mezzo della primavera. Il suo è il più chic dei blog di cucina e su Instagram vanta migliaia di followers. Dopo aver pubblicato il libro “Ricette dal cuore” lo scorso anno, eccola con un progetto fresco e innovativo, al quale ho avuto il piacere di partecipare in una calda domenica sera: il Supper Club.

foto alice 2

Alice apre le porte di casa sua a Milano, “Gipsyland”, come le piace chiamarla, per servire pranzi, cene o brunch ad una decina di ospiti. Per chi la segue da tempo come me è facile riconoscere l’atmosfera calda dei suoi post e sembra quasi di aver già mangiato insieme a lei e al suo Gitano, il compagno Alessandro, in quel lunghissimo tavolo verde.

foto alice 3

Ogni evento comprende anche un workshop, questa volta c’erano i ragazzi di Wood*ing – Wild food lab che ci hanno spiegato che cos’è il foraging, ossia come riconoscere, raccogliere e utilizzare in cucina le erbe selvatiche. Innanzitutto Valeria, la fondatrice del laboratorio, ha raccontato la loro filosofia e ci ha dato istruzioni per poter praticare foraging ogni volta che ci troviamo in un territorio incontaminato. È stato interessantissimo scoprire come, per esempio, l’abete rosso, il più classico degli alberi di Natale, in realtà si possa utilizzare in cucina nei più svariati modi, come riconoscere piante che sanno di aglio o di piselli, rispettivamente l’aglio orsino e la silene, e come non confonderli con i loro sosia tossici e velenosi. Nel frattempo Giuseppe, head mixologist del team Wood*ing, preparava fantastici cocktail con altre erbe selvatiche che ci hanno accompagnato per tutta la serata. Finito il workshop  è iniziata la cena cucinata da Alice ed ogni piatto conteneva gli ingredienti offerti dalla natura che abbiamo imparato a riconoscere.

foto alice 4

Così, siamo passati da empanadas di verdure e aglio orsino e un tortino salato con pratoline (delle piccole margheritine, anche queste ottime da gustare) ad una vellutata di fave, aglio orsino e silene, un risotto al limone e polvere di pino mugo mantecato al mascarpone. Per ultimo, ma non meno importante, ciò che per me è stato il piatto forte della serata: un delizioso clafoutis di fragole e rumex acetosa, un fiore dal sapore di rabarbaro. Questo dolce francese che anche io stessa preparo d’estate con le ciliegie, cucinato da Alice è stato meraviglioso, la degna conclusione di una cena piacevole e divertente.

foto alice 5

Se l’idea di mangiare prelibatezze in un’atmosfera familiare e accogliente vi avesse incuriosito, i prossimi Supper Club sono previsti per il weekend del 22-23-24 Aprile, io consiglio di non perderveli!

finale

Durante la serata è intervenuta anche un’esponente dell’associazione “A casa lontani da casa”, vi invito a informarvi e a sostenerla!

Ecco i contatti:

Blog: “A gipsy in the kitchen”: http://www.agipsyinthekitchen.com/

Instagram di Alice: a_gipsy_in_the_kitchen

Wood*ing lab: http://www.wood-ing.org/ e Instagram: wooding_wildfoodlab

A casa lontani da casa: http://www.acasalontanidacasa.it/strutture/

 

Sara Nardoni

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s