Gnocchi di ricotta

Un po’ di tradizione.

In Italia capita spesso di sentire “giovedì gnocchi”, ma per essere completi dovremmo aggiungere “venerdì pesce e sabato trippa”. In realtà si tratta di un modo di dire tipicamente romano, ma vi siete mai chiesti da dove venga?

Ebbene, per saperlo dobbiamo fare un salto indietro nel tempo fino al dopoguerra, in un clima fortemente impregnato dalla cultura cattolica.

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, i negozi di alimentari cominciarono a vendere gli gnocchi, un prodotto che solitamente veniva preparato al giovedì. Questo piatto, essendo molto sostanzioso, serviva per prepararsi al pasto meno ricco del venerdì, giorno di penitenza per i cristiani, in cui si “digiunava” dalla carne e ci si alleggeriva mangiando pesce. Le trattorie e gli alimentari del tempo cercavano di agevolare il rispetto della tradizione cattolica proponendo piatti a base di pesce e legumi come “baccalà coi ceci”.

Al sabato, invece, vi era l’usanza di macellare manzi e vitelli prima del grande pranzo della domenica. Quanti potevano permetterselo acquistavano i tagli migliori della carne, mentre la maggior parte degli italiani ben volentieri si accontentava della trippa.

Ma torniamo agli gnocchi. Oggi vi propongo una variante dei classici gnocchi di patate: gli gnocchi alla ricotta. Molto saporiti e molto più veloci da fare.

Per condirli vi consiglio o un buon sugo di pomodoro o un pesto alla salvia (la ricetta ve la darò più avanti!)

Gnocchi di ricotta

Ingredienti:

-250 gr ricotta vaccina

-150 gr farina 00

-60 gr parmigiano

-1 uovo

-sale

-noce moscata

Preparazione:

Mettiamo all’interno di una ciotola di grandi dimensioni la ricotta, la farina, il formaggio grattugiato, l’uovo, un pizzico di sale e una grattugiata di noce moscata.

gnocchi 1

Impastiamo poi il tutto con un cucchiaio di legno fino a quando non avremo ottenuto un composto omogeneo. Una volta che l’ impasto è liscio ed omogeneo, cospargiamo su un’ asse di legno della farina e poi formiamo con esso alcuni rotolini larghi 2-3 cm.

gnocchi 3

Utilizzando un coltello, ricaviamo i nostri gnocchi di ricotta dai vari rotolini. Per far si che prendano poi meglio il sugo possiamo segnarli con delle piccole righe. Come? O siamo forniti di un comodissimo riga-gnocchi oppure utilizziamo i rebbi di una forchetta d’acciaio e delicatamente ce li passiamo sopra.

gnocchi 4

Cuociamo i nostri gnocchi in acqua bollente e salata per pochissimi minuti.

gnocchi 2

Greta Scacchi

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s